venerdì 2 giugno 2017

UN ESORTAZIONE CHE DISTRUGGE LA CHIESA E I FEDELI



Quello che mi sorprendo è come mai il clero e i fedeli che hanno ben compreso che queste parole servono per destabilizzare la chiesa e il mondo prendano ancora a modello tali parole invece di rifiutare tale testo e negarlo, Continuando ad applicare quello che vi era prima di questo, e anche gli altri che sono andati in confusione mediante esso, perchè non lo rigettano, perchè non lo rifiutano? Da come il clero e il popolo si comporta anche se confuso pare che gli faccia piacere ascoltare questa campana, quasi fossero lobotomizzati, e istupiditi, quasi qualcosa li inducesse a seguire le eresie del testo Amore lieto
( Amoris Laetitia), da l'impressione che molti vogliano farsi del male, vogliano in realtà liberarsi da una certa chiesa, da quella secolarizzata, non è un impressione è la realtà, una parte del clero piace questo testo di Bergoglio, piace perchè li rende liberi di essere quello che hanno sempre voluto essere, preti liberi di pensarla come volevano, e quindi queste contrapposizioni tra chi accetta queste parole e chi le rifiuta saranno sempre più marcate, finché lo scontro diverrà addirittura fisico, procurando e producendo odio tra lo stesso clero, ora siamo a liti informali, ma presto si passerà a via di fatto ben più drastiche e potrebbe pure scapparci qualcosa altro, così avvera anche tra i fedeli, con l'epilogo finale che ci sarà certamente lo scisma e in certo senso c'è già, ben vediamo la separazione in questi giorni tra Bergoglio e BXVI il vero pontefice. Per cui dico buttate ne cesso questo libro che destabilizza la chiesa prima che esso la distrugga in toto e riprendente seriamente il mano il vangelo e a quello dovete fedeltà non ad un libricino d'intenti confusi.