venerdì 30 dicembre 2016

BERGOGLIO VUOLE DISTRUGGERE IL PECCATO

QUAL'è IL CRISTO  DI  BERGOGLIO
se lo possiamo chiamare Cristo!



Vediamo di capire cosa realmente sta dicendo Bergoglio, oramai è chiarissimo il suo intento di distrugge L'UNICO VERO Cristo RE DEI RE  e sostituirlo con il Cristo degli atei o forse meglio dire con quello dei Gesuiti o il Dio massonico.


link:

(Papa Francesco)
Buona sera a tutti!
Prima una domanda che è molto importante, quella che hai fatto tu, come bella scout hai fatto una bella domanda, e difficile. Adesso domando anch’io: Dio perdona tutto, o no? [Risposta: Sì! Perdona tutto!] Perché Lui è buono… o no? [Sì! E’ buono!] Lui è buono. Ma, voi sapete che c’era un angelo molto orgoglioso, molto orgoglioso; che era molto intelligente. E lui aveva invidia di Dio, capite? Aveva invidia di Dio. Voleva il posto di Dio. E Dio ha voluto perdonarlo, ma lui diceva: “Io non ho bisogno di perdono, io sono sufficiente a me stesso!”. Questo è l’Inferno: dire a Dio: “Arrangiati tu, che io mi arrangio da solo”. All’Inferno non ti mandano: ci vai tu, perché tu scegli di essere lì. L’Inferno è volere allontanarsi da Dio perché io non voglio l’amore di Dio. Questo è l’Inferno. Hai capito? E’ una teologia un po’… facile da spiegare, ma è questo. Il diavolo è all’Inferno perché lui l’ha voluto: mai un rapporto con Dio. Ma, se tu sei … pensa a un peccatore: se tu fossi un peccatore tremendo, con tutti i peccati del mondo, tutti; e poi, ti condannano alla pena di morte; e quando stai lì, bestemmi, insulti, tante cose… E al momento di andare lì, alla pena di morte, quando stai per morire, guardi il Cielo e dici: “Signore…!”. Dove vai, in Cielo o all’Inferno? Forte… [In Cielo!] In Cielo, vai, perché c’era un altro che era un ladrone, ma un ladro di quelli… E’ stato crocifisso vicino a Gesù. E uno di questi due ladri insultava Gesù. Questo non credeva a Gesù; sopportava i dolori fino alla morte. Ma a un certo punto, qualcosa s’è mosso dentro e ha detto: “Signore, abbi pietà di me!”. E cosa ha detto Gesù? Ti ricordi cosa ha detto? “Oggi, questa sera, sarai con me nel Paradiso”. Perché? Perché ha detto “ricordati”, “guardami”. Va all’Inferno soltanto  colui che dice a Dio: “Non ho bisogno di Te, mi arrangio da solo”, come ha fatto il diavolo che è l’unico che noi siamo sicuri che sia all’Inferno. E’ chiara la cosa? Grazie della domanda. Ma tu sembri una teologa! 
L’altra domanda, non è facile. La moralità cristiana: come vivere questa moralità, come essere santo davanti a Dio, cosa devo fare? E la moralità cristiana, vivere moralmente, è una grazia, è una risposta all’amore che Lui ti dà prima. Se tu non sei consapevole che Lui ti ama, tu non puoi fare niente. Niente. E il modo morale di vivere è una risposta a quell’incontro con Gesù. Se tu non avrai incontrato Gesù, mai, mai potrai vivere una vita cristiana. E’ Gesù quello che ti aiuta ad andare avanti, e se tu cadi è Lui che ti alza e che ti fa continuare ad andare. Ma se tu pensi e noi pensiamo che la vita morale sia soltanto ‘fare questo’, ‘non fare questo’, ‘fare questo’, ‘non fare questo’, ‘ fare questo’, ‘non fare questo’…, questo non è cristiano. Questo è una filosofia morale, ma no, non è cristiano. Cristiano è l’amore di Gesù che ci ama per primo. Capito? Quando tutti noi abbiamo tentazioni di invidia, gelosie, tante tentazioni, tutti, tutti, tante tentazioni; nel momento della tentazione, guardare Gesù e dire: “Signore, guardami, non lasciarmi da solo”. Ma poi, se tu cadi, alzati. Gli alpini hanno una canzone molto bella che dice così: “Nell’arte di salire ai monti, l’importante non è non cadere, ma non rimanere caduti”. La moralità cristiana è questo: tu cadi? Alzati subito e avanti. E’ questa, la vita. Ma sempre con Gesù. Senza Gesù non potrai fare nulla. Capito? Eh? Anche tu puoi andare a studiare teologia morale alla Gregoriana: ti insegneranno queste cose… 
E la terza domanda, che è stata la prima: cosa ho provato quando sono stati eletto Papa. Non so…: “Mi hanno cambiato di diocesi”… [ride, ridono] Io ero felice in una diocesi e adesso sono felice in un’altra. Mi hanno cambiato. Ecco.  
Ai bambini della Comunione, che mi hanno scritto tutti una lettera, ringrazio e porto le lettere con me.  
Preghiamo la Madonna perché ci benedica tutti. Mai andare nella vita senza Gesù! Mai cercare la salvezza senza Dio: è Lui che salva. Così non andiamo all’Inferno. E mai lamentarsi quando la vita ti cambia di posto!
“Ave o Maria…”.
Ora chiediamo a Dio che ci benedica tutti: “Vi benedica Dio onnipotente…”.
Grazie! 




°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°



Il fatto stesso che dica che all'inferno abita sta solo il diavolo, vorrebbe far credere a noi che nessuno per qualsiasi peccato faccia mai ci andrà e questo fa cader le persone che vogliono credergli, ancora di più nel fatto di sentirsi non colpevoli di peccati gravi, questo è un tentativo di depenalizzare il peccato,m di rendere il peccato più lieve, e quindi farsi che la gente si sente meno toccata dalla legge di Dio, per cui più libera di agire come meglio crede. E' un pensiero terribile, quello di voler spostare attenzione da un peccato morale e mortale, e renderlo poca cosa, depenalizzando il peccato di modo che ogni uomo si senta moralmente libero di agire come egli crede che sia giusto, infatti disse, tra le altra cose, che la chiesa deve portare il fedele a credere non nella verità, ma in ciò che Egli ritiene per se stesso giusto, quindi distruggere il senso vero del peccato e del peccare. 

"Dio perdona tutto, o no? [Risposta: Sì! Perdona tutto!] Perché Lui è buono… o no? [Sì! E’ buono!] Lui è buono" 

Intanto questo pensiero è errato, perché se perdonasse tutto, non avrebbe posto la legge ne nell'antico testamento che poi ribadita nel nuovo e qui proprio non ci siamo...

"E al momento di andare lì, alla pena di morte, quando stai per morire, guardi il Cielo e dici: “Signore…!”. Dove vai, in Cielo o all’Inferno? Forte… [In Cielo!] " Bergoglio dice in cielo, Gesù come risponde, non tutti quelli che diranno Signore Signore avranno il regno dei Cieli, quindi significa che serve altro...le parole non sempre corrispondono ai sentimenti, cioè se non c'è corrispondenza tra la bocca e i sentimenti non si ottiene nulla.

""In Cielo, vai, perché c’era un altro che era un ladrone, ma un ladro di quelli… "" è furbetto Francesco, mescola l'uno e l'altro per confondere, il ladrone se avesse mosso solo le parole non avrebbe ottenuto nulla, ma dato che Cristo legge nel profondo ha visto che quell'uomo ha credo che Gesù era vero Dio e lo ha riconosciuto tale. Tutto dipende se l'uomo è realmente convertito è fa tutto questo solo per paura....bisogna vedere....

Furbo però "l’unico che noi siamo sicuri che sia all’Inferno" vuol far credere che solo il diavolo abiti l'inferno.... e che nessun altro ci possa andare... non tanto simpatico quello che vuol far credere, che l'inferno se esiste, ci abiterebbe solo satana.

""Ma se tu pensi e noi pensiamo che la vita morale sia soltanto ‘fare questo’, ‘non fare questo’, ‘fare questo’, ‘non fare questo’, ‘ fare questo’, ‘non fare questo’…, questo non è cristiano. Questo è una filosofia morale, ma no, non è cristiano."" 
Dove vuole andare a parare con questo discorso.... E' come se avesse detto, che i precetti non sono validi, come se avesse detto che la legge imposta non gli piace, in sostanza è questo il senso che lui da a questa curiosa frase. 

La legge Dio la pone per impedirci di farci del male, che noi finiamo all'inferno con le nostre stesse mani, perché la sua creatura che siamo noi, non danneggi se stessa, la legge serve  per perdere le nostre anime, ed infatti e creata appositamente per impedirmi di danneggiare noi stessi, ci sono leggi che favoriscono certe cose, e leggi che danno contro ad altre! Significa che Bergoglio ha una visione di Cristo tutta a suo modo, si è creato una visione del Cristo anomala diversa dalla da quella che il vero Cristo ha creato in terra.

Dall' articolo percepisco che Francesco conosce un Cristo diverso da quello della Tradizione, un Dio direi fatto su immagine che egli si è creato nella sua mente e vuole trasmetterlo ed imporlo al popolo dei credenti, cercando di trasformarli in eretici, come lui stesso ha diverse volte dichiarato. L'articolo potrebbe apparire ai profani come qualcosa di positivo ma leggendolo bene, non lo è proprio per nulla.



Ricordo ìancora nel 2013 Bergoglio disse: 

Io non credo in un Dio cattolico, ma in Dio!

Intendendo dire che lui si oppone al vero Cristo figlio di Dio, 
ma crede un Dio diverso.


Io sono anticlericale, Io non sono tradizionalista.
La chiesa è sposa e vedova infedele!

Si mostra come adoratore della Madre di Cristo e si atteggia a vero credente, ma dall'esternare alle parole c'è un abisso, quale sarà la vera Regina che egli crede se non crede nel vero Cristo?

Facciamo attenzione che nel suo modo contorto di parlare esprime concetti completamente in opposizione al vero Credo dell'unico e vero Dio Yeshua Signore Nostro.


°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°

La mia preoccupazione è che se i 4 cardinali del Dubia, riuscissero a spodestare a ragion veduta Bergoglio, nessuno dei 4 salirebbe al potere al suo posto, perché la chiesa attuale, non vorrebbe tornare in dietro nel tempo e recuperare la tradizione, per quanto se ne dica, ma la condizione attuale forse fa molto comodo anche a quella parte di tradizionalisti, più morbidi di cui è costituita buona pare della chiesa, anche se alcuni lo vorrebbero, per cui la sede pontificia potrebbe rimanere realmente vacante, per un po di tempo tale, finché qualcuno ardimentoso non prenda il potere in mano, senza valide elezioni o apparentemente valide.

Pensavo giusto oggi che forse si avrà un triplo pontificato, forse! (spero di no) 
Ricordo che sognai un trono sul quale sedevano tre pontefici; 
uno molto anziano incapace di agire,  
uno anziano ma robusto
 e uno giovane. 
Spero sinceramente che non accada questo!

°°°°°°°°°°°°°°
Ma comunque vada la questione, quel che stato predetto in apocalisse deve venire, che si voglia o non voglia.
Era stato predetta la guerra tra vescovi nella chiesa e fuori essa tra fedeli e siamo già in questo iter. Noi possiamo anche tentare di porci da una parte o dall'altra ma non servirà nulla. 
Meglio sarebbe pregare finché il mondo ha tempo, perché quando arriverà il tempo che non da più tempo, non ci sarà nulla da fare.

Il mondo dal canto suo sta minando le basi della pace, che taluni vanno ponendo, per cui tutto concorre verso un solo obbiettivo e prima o poi le cose si sormonteranno, diventando una sola.

Per non parlare degli eventi extra-terresti, che meglio sorvolare, tanto nessuno può far nulla.


Guardatevi da chi veste con la pelle dell'agnello 
ma è lupo rapace!