lunedì 15 febbraio 2016

Elezioni ?

Elezioni !



Visto che oggi giorno tutti vorrebbero divenir qualcuno, e tutti aspirano al posto più ambito in uno stato, come c'è chi aspira divenir premier, c'è chi vorrebbe divenir papa, dato che l'elezione per l'uno e per l'altro non è dissimile perché per entrambe, ci vuole una commissione di “saggi” per ottenere si pensa il miglior rappresentanze, che appunto possa rappresentare al meglio gli intendimenti del popolo. Mi chiedevo come mai, un premier deve essere eletto dal popolo e un pontefice deve essere aletto da un piccola cerchia di sacerdoti? Non sarebbe più equa la nomina anche del pontefice come quella di un deputato, anche perché così veramente si garantirebbe allo Spirito Santo di poter agire, liberamente, come in realtà avviene nelle elezioni civili di un qualsiasi stato, mentre in quello della chiesa, si fa di tutto per impedire a Dio di indurre una sua direzione. Sarebbe giusto e corretto che i pontefici li eleggesse il popolo, anziché un ristretto numero di soggetti, che fanno solo i loro specifici interessi e non certo l'interesse dello Spirito Santo, quindi quello del popolo; allora non ci sarebbero più coloro che con la forza e l'inganno spodestano un pontefice a favore di un altro, non perfettamente eletto. Sarebbe un vero segno di civiltà e modernità se il pontefice fosse eletto dal popolo. Elezioni di un pontefice è molto più importante di quella di un premier visto che di pontefice ve n'è uno solo, per tutto il mondo, candidati, potrebbero essere non solo gli alti prelati, ma chiunque nella chiesa è credente e battezzato in Cristo, ma sopratutto che sia realmente umile, intelligente, sapiente e saggio, privo di vanto e di altezzosità, e oggi ve ne sono pochi ma molto degni, per ricoprir questa carica, anche tra sacerdoti, frati, abati, ecc. Mah ahimè, qui ci si scontra con un potere arroccato e tutto propenso a tutelare la casta che si ribellerebbe al solo pensare che uno di loro non possa più ambire al quel soglio e che uno qualsiasi, scelto veramente per mano di Dio il Santo dei Santi, che conduce molti verso la sua idea. E' sì, da molto tempo i pontefici non sono più eletti per volontà dello Spirito Santo, ma per volontà umana, perché gli intrighi di corte sono sempre stati grandi, come in ogni regno, c'è chi trama per la sua idea e il suo candidato. Così sono anche le elezioni degli uomini nella società, che seguono metri non distanti e non dissimili. Ma nella società è difficile prevedere chi sarà l'eletto, è ancora oggi un terno al lotto, mentre nelle stanze vaticane l'esiguo numero dei prelati, hanno vita molto facile e conoscerne quasi gli intenti diventa un quasi fatto, per cui la scelta non è più una casualità lasciata al “fato” ma è ponderata prima di divenir effettiva. Sarebbe giusto e corretto se fosse un popolo intero a decider il suo principe anche nella fede, darebbero dimostrazione di trasparenza ed equità. Mah la mia idea è un utopia. Più piccolo è il numero degli elettori più grande è l'inganno!