mercoledì 9 luglio 2014

L'ANTI-TEOLOGIA DI BERGOGLIO

interessante articolo!!!


“”””Eppure «Francesco è papa che giudica, sentenzia, assolve, condanna, promuove, rimuove. Ma nello stesso tempo predica in continuazione che non si deve mai giudicare, né accusare, né condannare». Ha compiuto una purga sistematica di prelati e teologi sgraditi a lui e alla sua scuola, da don Antonio Livi a padre Cavalcoli; ha brutalmente rimosso ministri vaticani come monsignor Piacenza; ha rimosso vescovi che in Argentina detestava. Non c’è contrasto? Noi non dobbiamo giudicare, e sta bene; ma lui giudica e trincia giudizi.”””” Ma se pensaste così, sbagliereste, non avreste ancora compreso la sottigliezza e profondità della teologia bergogliana. Il punto qualificante di tale teologia è il «non dare spiegazioni». Colpire, epurare, insultare, rimuovere, senza dire il perché.”””””

Papa Francesco-Bergogliopotremo dire dire un perfetto incoerente , ma siamo certi che sia così? No! 
Per noi che siamo veri cristiani e perfetti coerenti nelle vera fede di Cristo, è incoerente essere così. 
Ma non per lui, che fa dell'incoerenza la sua coerenza....chiede di non giudicare per sentirsi l'unico e il solo a dar giudizi e uccidere le vera fede, nella più totale impunità, si è questo quello che sta facendo uccide la fede in Dio.

“””Ma se pensaste così, sbagliereste, non avreste ancora compreso la sottigliezza e profondità della teologia bergogliana. Il punto qualificante di tale teologia è il «non dare spiegazioni». Colpire, epurare, insultare, rimuovere, senza dire il perché. Ciò è la conseguenza necessaria del fatto che la Chiesa bergogliana si vuole a-dogmatica. Avendo «superato» i dogmi, non deve più giustificare le punizioni che commina accusando la vittima di qualche violazione dogmatica o dottrinale; altrimenti si torna nel vecchio sistema, dove l’ortodossia veniva usata come arma per sorvegliare e punire. Oggi, si punisce senza esprimere il motivo — la conseguenza necessaria del superamento della dottrina è che le punizioni continuano a fioccare, ma nel mutismo. Non si può, non si deve motivare il perché.

E nella nuova teologia a-dogmatica, tutta pastorale e caritativa, la bastonatura e la punizione si accordano splendidamente, armonicamente, con la frase «chi sono io per giudicare..?». Si rallegri il bastonato: nessuno lo sta giudicando. Non si istruisce più un processo canonico, non si eleva un’accusa formale e formulata in parole (da cui l’accusato potrebbe persino cercar di difendersi, questo pipistrello untuoso e triste) – non siamo più ai tempi dell’Inquisizione, li abbiamo superati! – ora si danno botte da orbi nel buio, si bastona e basta. Il bastonato non chieda perché. Il perché non si può esprimere, non si deve esprimere. È la a-teologia a-dogmatica che lo richiede.

Ciò ricorda un pochino le procedure staliniane, dove a comminare 25 anni di lager («un quartino» di secolo) o la morte era non un tribunale, ma una commissione di tre funzionari del Partito, la cosiddetta Troika Amministrativa. Al tremebondo cittadino che gli avevano trascinato davanti, la Troika chiariva allegramente: noi non ti accusiamo di aver fatto nulla; ti sbattiamo al Gulag per il fatto che sei un borghese. Per questo, non abbiamo bisogno di trovarti una colpa; ci basta di accertare la tua identità: sei un borghese, dunque un nemico del proletariato. In Siberia! Un quartino! Ed era fatta.””””


Ecco senza accorgersene chi ha scritto il testo, non ha notato di aver scritto una parte futura del presente prossimo imminente, quanto si legge qui sopra sarà esattamente quello che avverrà fra un po’ di tempo, ma espresso in senso mondiale non più  solo da un  autorità papale ma bensì direttamente in seno ad un autorità polizia-giudiziaria. Questo modo di fare e questa logica bergogliana fra un po’ sarà adottata direttamente dalla magistratura e dagli stati. I prossimi saremo noi fedeli a capitolare, state certi. “”Oggi, si punisce senza esprimere il motivo —“” e domani sarà peggio, si ucciderà senza motivo.