giovedì 5 giugno 2014

LA CEI rimuove e sposta un passo scomodo dei vangeli!


IL CLERO SE VUOLE MUTA QUELLO CHE RITENE INOPPORTUNO PER SE STESSO.




A distanza appena di un mese da questa pubblicazione, la chiesa ha optato per reintegrare il testo nella sua giusta posizione, così ora il testo è tornato al suo posto. Però ho deciso di non rimuovere il sottostante articolo, che rimarrà a testimonianza del fatto che la chiesa ne combina di tutti i colori se vogliono.




Il testo oramai rimane lì, perchè sarebbe da sciocchi rimuoverlo, non ha senso.

  Oggi un sacerdote mi ha detto che pare da sue conoscenze che il testo sia rimasto quello originale del testo greco, anche se io lo trovai nel sito riportato sotto da una discussione di teologi, appunto su questo cambiamento. Per cui sono contento che il testo non sia stato modificato nel testo originale. 



°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°°


Modifico un po il testo.... ma non lo rimuovo... visto che qualcuno mi ha fatto notare, pare che il sottostante testo sia stato spostato di posizione, nel sottopancia, ma non capisco il motivo di tale spostamento... che necessità ci fosse...

link: Passo posto nel sottopancia (purtroppo qualcuno nel sito ha rimosso, non so perchè il testo incriminato!!! ) 


Spieghiamo solo il testo evangelico:

Matteo 23,14

[Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché divorate le case delle vedove e fate lunghe preghiere per mettervi in mostra; perciò riceverete maggior condanna.]

C.E.I.:

Matteo 23,14

Nuova Diodati:

Matteo 23,14

Guai a voi, scribi e farisei ipocriti! Perché divorate le case delle vedove e per pretesto fate lunghe preghiere; per questo subirete una condanna più severa.

Riveduta:


Matteo 23,14

Non ci sono versetti che hanno questo riferimento.

Diodati:

Matteo 23,14


Vediamo di analizzare il brano per capire bene cosa Gesù figlio di Dio ci vuole far capire e a chi era destinato tale passo!

 [Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché divorate le case delle vedove e fate lunghe preghiere per mettervi in mostra; perciò riceverete maggior condanna.] """"


Analisi del brano..... gli scribi nell'antichità erano coloro che trascrivevano testi, (i nostri scrittori) in questo caso la connotazione non va agli scrittori "moderni" ma bensì, ai sacerdoti scribi(di ogni epoca e tempo)....coloro che trascrivevano i testi antichi.... perché il passo si riferisce a costoro. Ma il passo non parla solo degli scribi ebrei, ha un connotazione futuristica, e critica i futuri scribi, coloro che hanno spostato in testo, forse in posizione meno osservabile, dove pochi leggono. visto che la buona parte dei non studiosi, ha una lettura superficiale, e non sempre attenta per cui sfugge. In questo modo, in parte 
dimostrando di voler celare il passo e testimoniano quanto il passo stesso condanna, si perché il passo è una condanna; inizia infatti con la parola Guai a voi.., che sta per condanna.....li chiama scribi e farisei ipocriti.... questo dimostra anche un altra cosa, non solo sono scribi, ma che non trascrivono la verità, ma scrivono falsità, quindi Gesù ammonisce costoro, dal pubblicare testi falsi, e Gesù li addita a farisei ipocriti, gli da un soprannome.

La successiva frase, mi fa tornare in mente, quel che si sa, ma non si dice, che spesso sia in tempi lontani che forse un po’ meno attualmente, le vedove lasciavano i loro beni ai parroci, ma questa cosa è risaputa. Molte delle proprietà della chiesa sono arrivate anche in questo modo …

Il passo parla proprio di questo... dice in effetti, che la chiesa nella quale vi è lunga tradizione di scribi, non solo ha divulgato testi falsi, e qui non sono io a dirlo , ma la parola stessa di Cristo lo dice, ""Guai a voi, scribi e farisei ipocriti""

perché il brano evangelico parla proprio di questo fatto, ma si è profittata delle vedove, per arricchirsi. Poi aggiunge che fanno lunghe preghiere, per far credere alla vedove che sono santi … per cui se esse davano i loro beni, alla chiesa, avrebbero ricevuto la vita eterna, questo loro hanno fatto credere!!!

Quindi promuovevano una falsa fede fatta di tante parole, per abbindolare le povere vedove... e questo è quello che Gesù dice... [Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, perché divorate le case delle vedove e fate lunghe preghiere per mettervi in mostra; perciò riceverete maggior condanna.] Lui stesso emette la condanna.... Naturalmente e stupidamente hanno spostato  il passo, in un punto meno visibile, che fastidio dava in quella posizione?  

Sicuramente l'atto di spostare il testo evangelico, è un atto che vuol far dimenticare il passo al popolo, per quale ragione, cosa temono? O cosa nascono?

E’ probabile che uscirà come giustificazione che il passo era falso, per cui andava rimosso, sicuramente troveranno testi “fasulli” che dicono diversamente. E tutti come allocchi ci crederanno. Invece, proprio per le caratteristiche accusatorie, del passo stesso, il passo è autentico è parola di Gesù. Se fosse stato fasullo, costruito posteriormente a Gesù stesso, non avrebbe avuto senso, visto che il passo funge da blocco, di coloro che sono scrittori e amanuensi … e per tale ragione il passo è autentico … 
Insomma, chi si tira la zappa suoi piedi da soli? Nessuno!

Quando si rimuove o si sposta in posizione meno visibile un testo importante, specialmente un documento parola di un Dio,è perché si ha la coda di paglia!

Ma questo fatto di manipolare le scritture, denota una volontà che è atta a minare la credibilità vera della parola di Cristo e di conseguenza Dio stesso. Togliere e modificare  o spostare in posizioni meno visibili i contenuti biblici sta ad indicare una volontà non di seguire Cristo e Dio, ma quella di operare sotto mentite spoglie.... 

...perché se oggi arrivano a spostare o mutare parti scomode dei vangeli, significa che non amano più Gesù!. Anzi le sue parole gli arrecano solo sofferenza e patimenti, similmente a quello che subisce un posseduto, che non sopportando la parola di Dio, fa di tutto per non vederla, non udirla...e di conseguenza la rimozione o  cambiamento  o spostamento di parti sta ad indicare che la parola vera è diventate leggera, sopportabile ed direi addirittura falsa... 

E chi, ha iniziato per primo la vera manomissione della parola santa di Gesù?
Chi era l’astuto e abile erudito, falso che mise mano alla scrittura per primo?
E quante volte nel corso della storia, hanno cambiato la parola di Gesù?
Sarebbe bene che le segrete del vaticano fossero aperte per conoscere la verità!
È giusto che il popolo sappia la verità! Soprattutto per ritornare alla vera parola di Cristo!
Ma ciò non avverrà!
Fine modulo
Il vero problema, è che Gesù, con le sue parole ci testimonia e ci predice in anticipo che il suo vangelo sarebbe stato manomesso, fin dall'inizio, ci sarebbero stati scribi falsi e abili e falsi apostoli che si sarebbero imposti con più forza a quelli veri!

E non per nulla in apocalisse poi parla di un nuovo vangelo eterno!

Guai  a voi falsi scrittori (scribi) farisei ipocriti, che divorate le proprietà delle vedove/i e fingete lunghe preghiere per mostrarvi ciò che non siete(santi), perché riceverete una condanna molto più grave …..

-----
Un sacerdote ha risposto che il passo sarebbe stato tolto perchè non si troverebbe nei documenti antichi, però in Luca e Marco si!

Se fosse stato che uno solo avesse scritto questo testo, si potrebbe supporre  che uno solo sia anomalo, ma quando almeno un altro dei 4 testimoni fa la medesima cosa, allora significa che il testo è reale. E non significa nulla che anche gli altri 2 non lo scrivano, perchè potrebbe benissimo essere che gli altri due se ne siano dimenticati.... non vedo che problema ci sia. 4 su 2 mi fa capire che il testo è reale almeno 50% quindi non c'è nessuno giustificazione nel rimuovere un testo..... se non quella di non sentirsi più sotto accusa da parte di Cristo!!!! 

Come previsto il sacerdote avrebbe così ammesso che la rimozione del testo sia stata fatta perchè ritenuto posteriore al periodo degli apostoli, allora io ho risposto, ma se fosse vero ciò, vuol che la chiesa si è tirata la zappa suoi piedi da sola! Immobilizzandosi, impedendo a se stessa di mutare la parola? Non è una logico far ciò, e non rientra nella natura umana aggiungere un testo che imbrigli gli scribi la chiesa e gli impedisca qualsiasi movimento! Come ho già scritto il testo è stato rimosso e poi reinserito in posizione poco visibile, e sicuramente con l'andare del tempo, dato che è stato posto in fondo, in piccolo nel sottopancia, tra i commenti dei teologi, potrebbe essere tolto, perchè considerato un sovrappiù, poco utile, visto che quella parte è mutabile. Quindi fra 10 anni potremo anche non trovarlo più, consideriamo anche, un altra cosa, non tutte le bibbie hanno il commentario, quindi quelle che non  hanno questa parte risulterebbe rimosso. E la questione non cambia nulla! 

C'è da chiedersi realmente perchè spostare di posizione poco visibile, una parola che anche nell'incertezza di autenticità, è stata considerata fin ai primi del 900 come testo parola di Cristo reale, ed ora con la teologia moderna, basata sopratutto su ipotetiche tesi, come il vangelo Q, che non sarebbe altro che un ipotetico vangelo di origine vocale, in pratica non sarebbe altro che la trascrizione della cultura orale presso gli stessi evangelisti, che nel tentativo di ricordare tutte le parole di Gesù, si tramandavano "ipoteticamente", la parola di Gesù, ma che nessuno ha mai visto questo testo, cioè praticamente non esistente, (è un invenzione ipotetica) base di un ipotesi che viene presa come autentica, sulla quale i teologi hanno fatto e scritto miriadi di elucubrazioni, fantasie, si è approdati a dire che il testo spostato di posizione da predominante a secondaria e in talune bibbie rimosso, per mancanza del sottopancia, non sia realmente autentico ma di dubbia autenticità. Ma siccome non sono certi di nulla, allora lo mantengono nel sottopancia da dove certamente sparirà prima o poi. Senza ombra di dubbio, è presumibile che con l'andare del tempo e con altre elucubrazioni mentali ipotetiche si metterà mano ad altro testo, finché tutto verrà sovvertito...


Ora questa parte, mi ha fatto riflette...
[n pratica non sarebbe altro che la trascrizione della cultura orale presso gli stessi evangelisti, che nel tentativo di ricordare tutte le parole di Gesù, si tramandavano ]
se questo è il pensiero dei teologi, significa che essi ammettono che gli stessi evangelisti non potevano ricordare tutto, e ciò fa ben capire un aspetto interessante. Se gli apostoli non potevano ricordare tutto, significa che lo Spirito Santo non era sempre perfettamente presente in loro, perchè altrimenti lo Spirito santo avrebbe sopperito alla mancanza di ricordo, e avrebbe trasmesso di nuovo a loro quello che serviva sapere... ma questo modo di pensare dei teologi, mina le basi della spiritualità, perchè fa ben comprendere che lor stessi non credono molto alla parte spirituale, non credono sopratutto che lo Spirito possa trasmettere quello che un essere umano può aver dimenticato, in pratica con questa ipotetica loro tesi, non suffragata da testi autentici, antichi, perchè non esistono, riducono la capacità dello Spirito Santo, ad istruire gli apostoli stessi... 

Credo invece, che sei i teologi la smettessero di studiare sui testi di altri teologi e di altri ancora all'infinito e/o di "santi", sarebbe più edificante, visto che  le loro tesi sono fatte sui pensiero umani, e dimostrano con questo loro farraginoso modo di pensare che non sono illuminati dallo Spirito Santo, infatti Dio lo dimostra che non apprezza il teologo, ma preferisce di gran lunga un ignorante... 
Spesso chi studia molto si insuperbisce, e crede di essere arrivato, e poi tutt'un tratto si vede passare innanzi da un povero ignorante, che spesso è di gran lunga preferito da Dio... 

Cari miei se non conoscente l'umiltà è inutile che studiante come dei pazzi, perchè la mente di Dio si svela solo agli umili...